Biblioteca "Maria Goia"

Circonvallazione Sacchetti, 111
48015 Cervia (RA)


Tel. 0544.979.384

Tel. 0544.979.386 (ragazzi)

Il catalogo è qui:

iScopriRete



Con iScopriRete accederai a ScopriRete, il catalogo della Rete Bibliotecaria di Romagna e San Marino. Scaricala gratuitamente da iTunes e Android

Cerca nel sito


Orario dal 19/06/2017

 

lunedì
8.30 - 13.30
martedì
8.30 - 13.30
15 - 19
mercoledì
8.30 - 13.30
giovedì
8.30 - 13.30
15 - 19
venerdì
8.30 - 13.30
sabato
8.30 - 13

Orario dal 18/09/2017

 

lunedì

9-13.30

14.30-18.30

martedì

9-13.30

14.30-18.30

mercoledì

9-13.30

14.30-18.30

giovedì

9-13.30

14.30-18.30

venerdì 9-13.30
sabato 9-13

 

In evidenza

#CLEOEBELLAMISSIONIMPOSSIBLE

di Alessia Nasolini

09/03/2016

Cleo e Bella, sono 2 sorelle di 13 anni con personalità molto diverse:Cleo è molto sportiva e non le importa la moda e la popolarità, mentre  Bella è una amante della moda e del make up, una che ci tiene ad essere la più popolare nei luoghi che frequenta.

Una mattina le 2 ragazze si svegliano e già da subito si sentono un po strane ma ancora assonnate non si rendono conto che durante la notte è avvenuto uno scambio di personalità, una volta accortesi dell’ accaduto preoccupate cercano di entrare l’una nei panni dell’ altra.

 Cleo è disperata non si sente a sua agio nei panni di sua sorella, una vanitosa di primo ordine che tratta tutti come se fossero ai suoi piedi e non le piace uscire o andare a scuola con 3 quintali di trucco sul viso, e poi Bella è completamente negata per lo sport e questo le avrebbe di certo rovinato la media in ginnastica, l’ unico lato positivo dello scambio è che avrebbe potuto divertirsi un po facendo fare qualche brutta figura alla sorella tanto vanitosa.

Anche Bella è in preda al panico non le è mai piaciuto uscire senza trucco e con vestiti sportivi non di marca, e non avrebbe neanche mai accettato che la sorella rovinasse il suo splendido rapporto con il fidanzato Jack; il ragazzo più carino della scuola, questo avrebbe rovinato la sua reputazione.

Il giorno seguente le ragazze, si resero conto che l’incubo era finito e felicissime poterono tornare alla normalità.

Torna indietro

Aggiungi un commento