Biblioteca "Maria Goia"

Circonvallazione Sacchetti, 111
48015 Cervia (RA)


Tel. 0544.979.384

Tel. 0544.979.386 (ragazzi)

Il catalogo è qui:

iScopriRete



Con iScopriRete accederai a ScopriRete, il catalogo della Rete Bibliotecaria di Romagna e San Marino. Scaricala gratuitamente da iTunes e Android

Cerca nel sito


Orario dal 15/10/2018

 

lunedì

9-13.30

14.30-18.30

martedì

9-13.30

14.30-18.30

mercoledì

9-13.30

14.30-18.30

giovedì

9-13.30

14.30-18.30

venerdì 9-13.30
sabato 9-13

 

Orario dal 17/06/2019

 

lunedì
8.30 - 13.30
martedì
8.30 - 13.30
14.30 - 18.30
mercoledì
8.30 - 13.30
giovedì
8.30 - 13.30
14.30 - 18.30
venerdì
8.30 - 13.30
sabato
8.30 - 13

In evidenza

La scuola magica di Gervasia

di Valentina Pala

31/01/2019

In un paese babbano di campagna successe un fatto stranissimo a cui né il Primo ministro babbano, né il ministro magico Cornelius Caramel sapevano dare una spiegazione.

Sulle lontane colline dove sorgeva una casa scavata nella pietra furono trovate due persone (un padre e una madre), morte volontariamente, forse per la maledizione Avada Kedavra, e un neonato rimasto illeso chiamato Harry.

Qualche anno dopo, nel mondo magico…

Al quarto anno, alla scuola magica di Gervasia, l’esercito di Peppino il preside, composto da Harry, Ernesta, Ronaldo, Paris, e l’aiutante Antonino il matto si allenano con incantesimi e controincantesimi per poi sconfiggere definitivamente Lord Voldemort e i suoi seguaci, compresi Nottus e il Gatto Perfidjo.

Un mese dopo, cioè ad Aprile, muoiono Peppino il preside e Agrifoglio, il padrino mezzo nano di Harry e tutti e due a causa del professor Unicorno.

Grissino e Antonino il matto, i due g nomi domestici, vengono affidati tristemente a Ronaldo, invece che ad Ernesta, amica fidata degli gnomi domestici. Al posto del preside Peppino va la prof. DeValentinia, che dirige perfettamente Gervasia negli ultimi tre anni. A giugno del settimo anno, alla fine dell’ultimo secondo dell’ultimo minuto dell’ultima lezione Harry consegna a ciascuno dei suoi amici, compresi gli gnomi un boccino che serviva a comunicare tra loro. In caso che uno di loro fosse in pericolo di morte i suoi compagni, se erano ancora vivi, sarebbero stati obbligati ad andare a soccorrerlo. Dal quel momento non si seppe più nulla se fossero morti o ancora vivi in mezzo a noi.

Torna indietro

Aggiungi un commento