Biblioteca "Maria Goia"

Circonvallazione Sacchetti, 111
48015 Cervia (RA)


Tel. 0544.979.384

Tel. 0544.979.386 (ragazzi)

Il catalogo è qui:

iScopriRete



Con iScopriRete accederai a ScopriRete, il catalogo della Rete Bibliotecaria di Romagna e San Marino. Scaricala gratuitamente da iTunes e Android

Cerca nel sito


Orario dal 15/10/2018

 

lunedì

9-13.30

14.30-18.30

martedì

9-13.30

14.30-18.30

mercoledì

9-13.30

14.30-18.30

giovedì

9-13.30

14.30-18.30

venerdì 9-13.30
sabato 9-13

 

Orario dal 17/06/2019

 

lunedì
8.30 - 13.30
martedì
8.30 - 13.30
14.30 - 18.30
mercoledì
8.30 - 13.30
giovedì
8.30 - 13.30
14.30 - 18.30
venerdì
8.30 - 13.30
sabato
8.30 - 13

In evidenza

IDEE IN MOVIMENTO 2018/2019

Anche quest'anno sono state selezionate le storie finaliste per giocarsi la possibilita' di diventare un CORTOMETRAGGIO per il progetto IDEE IN MOVIMENTO 2018/2019, organizzato dall'amministrazione comunale di Cervia e dalla associazione Zirialab in collaborazione con la Biblioteca Maria Goia.

MODALITA' DI VOTO
Le storie possono essere votate attraverso le seguenti modalita', RIGOROSAMENTE indicando NOME e COGNOME e la STORIA che si intende votare, FINO alle 24 di DOMENICA 10 FEBBRAIO 2019:

 

1) ONLINE
Attraverso la scheda che trovate a questo LINK

 

2) WHATSAPP
Inviare un messaggio WhatsApp al numero 328.8441996 indicando il proprio NOME e COGNOME e la STORIA che si intende votare, e' possibile votare anche più di una storia.

Per ogni informazione chiamare il numero 328.8441996 o inviare una email all'indirizzo info@zirialab.org

 

 

La scuola magica di Gervasia

di Valentina Pala

31/01/2019

In un paese babbano di campagna successe un fatto stranissimo a cui né il Primo ministro babbano, né il ministro magico Cornelius Caramel sapevano dare una spiegazione.

Sulle lontane colline dove sorgeva una casa scavata nella pietra furono trovate due persone (un padre e una madre), morte volontariamente, forse per la maledizione Avada Kedavra, e un neonato rimasto illeso chiamato Harry.

Qualche anno dopo, nel mondo magico…

Al quarto anno, alla scuola magica di Gervasia, l’esercito di Peppino il preside, composto da Harry, Ernesta, Ronaldo, Paris, e l’aiutante Antonino il matto si allenano con incantesimi e controincantesimi per poi sconfiggere definitivamente Lord Voldemort e i suoi seguaci, compresi Nottus e il Gatto Perfidjo.

Un mese dopo, cioè ad Aprile, muoiono Peppino il preside e Agrifoglio, il padrino mezzo nano di Harry e tutti e due a causa del professor Unicorno.

Grissino e Antonino il matto, i due g nomi domestici, vengono affidati tristemente a Ronaldo, invece che ad Ernesta, amica fidata degli gnomi domestici. Al posto del preside Peppino va la prof. DeValentinia, che dirige perfettamente Gervasia negli ultimi tre anni. A giugno del settimo anno, alla fine dell’ultimo secondo dell’ultimo minuto dell’ultima lezione Harry consegna a ciascuno dei suoi amici, compresi gli gnomi un boccino che serviva a comunicare tra loro. In caso che uno di loro fosse in pericolo di morte i suoi compagni, se erano ancora vivi, sarebbero stati obbligati ad andare a soccorrerlo. Dal quel momento non si seppe più nulla se fossero morti o ancora vivi in mezzo a noi.

Leggi tutto...

V di Vendetta

di Ilaria Ravegnani, Simona Bacchi

31/01/2019

Valentina: Oggi racconterò una storia, una storia che da una meravigliosa storia d’amore si trasformò in una magnifica amicizia. Tutto iniziò un anno fa, quando Veronica, la mia migliore amica, iniziò a far parte della mia vita. Iniziamo parlando di lui, Michele. Veronica, com’era Michele?

Veronica: Michele, lui era stupendo, alto, bello anzi bellissimo, da sogno. Era il ragazzo preferito di tutti, ma soprattutto di tutte. Aveva gli occhi color nocciola, anche senza luce brillavano. Ma era solo un’apparenza, vero Valentina?

Valentina: Appunto, sembrava. Io e Michele stavamo assieme da circa un anno, eravamo la coppia più popolare della scuola. Poi è arrivata Veronica. Io, gelosissima di Michele, ero un po’ preoccupata.

Vero: Mi aggiravo per i corridoi della scuola come una tosta, mi atteggiavo come se fossi la più bella del mondo. Ero un po’ montata.

Vale: Era in classe con noi! Inoltre, per rendere più tragica la situazione, il prof l’aveva scelta come compagna di banco di Michele, il mio fidanzato.

Vero: A me piaceva un botto! Non mi era mai capitato di conoscere un ragazzo così dolce e carino, nella mia vecchia scuola mi trattavano tutti abbastanza male. Abbiamo parlato per un sacco ti tempo, e lei….

Vale: Io ero arrabbiatissima, furiosa!

Vero: Abbiamo parlato anche tutto l’intervallo e non mi aveva ancora detto che era fidanzato. E pom! Mi chiede di uscire. Nei giorni successivi siamo andati in piazza, a bere un frullato, e siamo andati in pineta; abbiamo parlato di molti argomenti ma non del fatto che lui fosse fidanzato.

Vale: Mentre lei se la spassava con il mio fidanzato, io ero in agonia. Non capivo come mai il mio ragazzo non passasse più del tempo con me, e quando lo faceva era disinteressato e confuso. Non sapevo cosa fare, ero preoccupata, e così decisi di parlarle. Durante la ricreazione le chiesi gentilmente di conoscerci. Da quel momento iniziammo ad uscire e finalmente conquistai la sua fiducia. A quel punto mi confessò che si stava frequentando segretamente con un ragazzo. La incitai a raccontarmi tutto nei dettagli. Capii subito che stava parlando di Michele. IN quell’istante esitai ma rimasi molto delusa da Michele. Ci ripensai e decisi di dirle tutto.

Vero: Io mi arrabbiai molto, e decidemmo di fargliela pagare… mi venne un’idea strabiliante. La settimana seguente, dopo avere escogitato il piano migliore di sempre, spargemmo la voce su di lui: era un traditore. E per concludere in bellezza allegammo una foto imbarazzante. Da quel momento i suoi amici e tutte le persone che lo conoscevano (tutti) capirono che non era la persona carina che conoscevano.

Leggi tutto...

La distanza fa male

di Erika Bila, Eleonora Brighi, Elia Vangelista

31/01/2019

Bianca e Linda sono migliori amiche sin dalla nascita. Dalle elementari entra a far parte del loro gruppo anche Luigi; i tre diventano amici inseparabili, e condividono ogni momento, bello e brutto.

Luigi è un ragazzo balbuziente, e tiene molto a Bianca e Linda perché lo accettano per quello che è.

Un giorno Bianca e Linda dicono a Luigi che si devono trasferire a causa del lavoro dei loro genitori. Nonostante fossero amici da molto tempo, dal momento in cui lasciano Cervia le due ragazze non si fanno più sentire, non rispondono più ai messaggi e alle telefonate di Luigi.

Luigi è molto deluso la prende molto male, a tal punto da rinchiudersi in casa. Un giorno però si stanca di rimanere in casa ed esce a fare una passeggiata con il suo cane. Passeggiando incontra dei ragazzi che lo coinvolgono nel loro gruppo. Da quel momento Luigi ha dei nuovi amici.

Dopo anni Bianca e Linda tornano a casa e appena tornate chiamano Luigi, ma lui non risponde alle loro telefonate perché non le vuole più vedere.

Un giorno, per caso, si incontrano per strada e Luigi dice loro definitivamente addio.

Leggi tutto...

Un colpo di fortuna

di Sofia Zocchi

31/01/2019

Viola è una ragazza molto sfortunata che vive a Cervia. Dopo una giornata sfortunata, va al Parco naturale a sfogarsi e, davanti al recinto dei cavalli, trova un quadrifoglio.

Pensando che non valga nulla, lo lascia cadere per terra, ma questo rimane impigliato ai lacci delle sue scarpe.

Il giorno dopo però si accorge che qualcosa è cambiato: non arriva in ritardo a scuola, tutti, compreso il ragazzo che le piace, sembrano improvvisamente notarla e sono simpatici con lei, prende bei voti e torna a casa asciutta e pulita, cosa strana per i suoi standard.

Improvvisamente Viola si sveglia e si accorge che era stato tutto un sogno. Però seguendo quello che faceva nel suo sogno riesce a migliorare la sua situazione.

Leggi tutto...